Zum Seiteninhalt

Nuovo monitoraggio dei pesci nel Reno

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Un obiettivo fondamentale della Commissione governativa internazionale Reno alpino (CGIRA) consiste nella valorizzazione ecologica del Reno alpino e nella garanzia della sicurezza contro le piene. I pesci sono un indicatore ecologico fondamentale. La CGIRA si pronuncia a favore di un nuovo rilevamento del patrimonio ittico nel Reno alpino. Inoltre, in collaborazione con l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM, CH), la CGIRA sta lavorando a un modello di previsione delle piene, che dovrà essere a disposizione per l'attività quotidiana da metà 2013.

Quanti pesci vivono nel Reno alpino tra Reichenau e il lago di Costanza? Il patrimonio ittico è un indicatore fondamentale dello stato ecologico del fiume. La Commissione governativa internazionale Reno alpino (CGIRA) ha ora commissionato un nuovo rilevamento. Questo è quanto ha deciso oggi a Coira in occasione della sua 31a seduta. I corrispondenti lavori verranno ora aggiudicati. Il cosiddetto monitoraggio dei pesci verrà effettuato l'anno prossimo. Grazie al monitoraggio di base coordinato all'interno della CGIRA viene creata una base di dati paragonabili per l'intero comprensorio. Ciò permette una considerazione unitaria dell'area interessata dal progetto e fornisce informazioni su cambiamenti nel sistema idrologico. Il monitoraggio dei pesci è particolarmente importante anche per rilevare il successo delle misure di miglioria basate sul piano di sviluppo Reno alpino. Il monitoraggio dei pesci della CGIRA contribuisce direttamente anche al controllo del successo del progetto Rhesi della Internazionale Rheinregulierung (IRR).

Modello di previsione delle piene affidabile
Un obiettivo importante della CGIRA è costituito dalla protezione contro le piene. Soprattutto nel corso inferiore, tra Diepoldsau e il lago di Costanza, la sicurezza contro potrebbe essere garantita solo a fatica in caso di piena del secolo. Qui bisogna adottare delle misure di miglioramento. Il piano di sviluppo Reno alpino prevede perciò di aumentare da 3100 a 4300 metri cubi al secondo la capacità di deflusso del Reno. Inoltre, nei prossimi decenni lo spazio riservato alle acque intorno al Reno alpino dovrà essere esteso da 1900 a circa 2900 ettari. In caso di piena, un corso d'acqua allargato, che dispone di più spazio, ha degli "sfoghi naturali" e non straripa subito. La messa in pericolo di insediamenti e persone risulta così meno probabile.
La base decisiva per le misure previste è costituita da un modello di previsione affidabile per le piene. L'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM, CH) sta attualmente allestendo un modello di base cui fare capo per calcolare la previsione. La CGIRA sta collaborando allo sviluppo di questo modello di base, del quale seguirà l'introduzione. Entro la primavera 2013 verranno allestiti i mansionari per i moduli regionali CGIRA relativi alla gestione degli spazi per il contenimento delle piene e un manuale che illustrerà i diversi scenari. La CGIRA parte dal presupposto che a metà 2013 saranno a disposizione per l'attività quotidiana le previsioni del nuovo modello di base relative ai deflussi.

Il progetto RHESI passa alla prossima fase
I responsabili del progetto Internationale Rheinregulierung (IRR) hanno anche informato la Commissione governativa in merito allo stato attuale del progetto Rhesi. A fine settembre, a Lustenau sono state presentate due varianti di progetto a un centinaio di addetti ai lavori. Gli interessati hanno potuto fornire la propria presa di posizione in merito. Queste reazioni costituiscono la base per l'elaborazione di una variante ottimale. Vengono in particolare esaminate approfonditamente le prese di posizione provenienti dai settori agricoltura e approvvigionamento idrico.

Congedo dalla consigliera governativa Dr. Renate Müssner
Il presidente della CGIRA, Consigliere di Stato Dr. Mario Cavigelli, ha inoltre colto l'occasione dell'ultima seduta di quest'anno della commissione per congedare la Consigliera governativa Dr. Renate Müssner, che non si ripresenterà la prossima primavera alle elezioni in Liechtenstein, motivo per cui, dopo quattro anni, lascerà anche la CGIRA. Il Consigliere di Stato Cavigelli ha ringraziato la Consigliera governativa Müssner per il suo impegno in seno alla Commissione, in particolare per i successi ottenuti durante il suo anno di presidenza nel 2009, e le ha fatto i migliori auguri per il futuro. 
 

Cos'è la CGIRA?
I membri della Commissione governativa internazionale Reno alpino (CGIRA) si riuniscono in seduta due volte all'anno. In queste occasioni si informa in merito allo stato dei progetti in corso. Vengono altresì discussi temi d'attualità e prese decisioni relative a nuovi progetti. Da dicembre 1998, nel quadro dell'accordo di cooperazione Reno alpino, i Governi del Principato del Liechtenstein, del Land Vorarlberg e dei Cantoni dei Grigioni e di San Gallo mirano quale obiettivo sovraordinato alla promozione di uno sviluppo sicuro e sostenibile per il beneficio comune dell'area del Reno alpino, in particolare alla garanzia della sicurezza contro le piene, all'utilizzo parsimonioso ed ecocompatibile di spazio e risorse, nonché alla conservazione e all'incremento dei valori naturali.
I membri della CGIRA sono il Presidente del Land del Vorarlberg Mag. Markus Wallner, il Consigliere di Stato del Cantone di San Gallo Willi Haag, la Consigliera governativa del Principato del Liechtenstein Dr. Renate Müssner e il Consigliere di Stato del Cantone dei Grigioni Dr. Mario Cavigelli (presidente). Alle sedute della CGIRA partecipano anche il Dr. Heinz Stiefelmeyer in rappresentanza della Repubblica d'Austria e Hans Peter Willi (UFAM) in rappresentanza della Svizzera. 
Ulteriori informazioni sulla CGIRA e sulle sue attività si possono trovare sulla homepage www.alpenrhein.net
 

Fotografia: 
IRKA.jpg

La Commissione governativa internazionale Reno alpino (CGIRA) riunita a Coira (da sinistra): Dr. Heinz Stiefelmeyer, rappresentante della Repubblica d'Austria, Consigliere regionale Erich Schwärzler, Land Vorarlberg, Consigliere di Stato Dr. Mario Cavigelli, Cantone dei Grigioni (presidente), Consigliera governativa Dr. Renate Müssner, Principato del Liechtenstein, Consigliere di Stato Willi Haag, Cantone di San Gallo, e Hans Peter Willi, rappresentante della Confederazione Svizzera.
   

Persona di riferimento:
Erich Büsser, presidente del gruppo di coordinamento CGIRA e capo dell'Ufficio dell'energia e dei trasporti dei Grigioni, tel. +41 (0)81 257 36 21, e-mail: erich.buesser@aev.gr.ch  


Organo: Commissione governativa internazionale Reno alpino (CGIRA)
Fonte: it Commissione governativa internazionale Reno alpino (CGIRA)
Neuer Artikel