Navigazione principale

Contenuto della pagina

Caduto l'ultimo diaframma della galleria di circonvallazione di Küblis

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Raggiunta l'ultima fase per la circonvallazione di Küblis: oggi è caduto l'ultimo diaframma della galleria di circonvallazione. Un motivo di soddisfazione anche per il Consigliere di Stato Mario Cavigelli.

Con il completamento dello scavo della galleria, lunga 2255 metri, è stata raggiunta un'importante tappa nella realizzazione della circonvallazione di Küblis. L'evento è stato debitamente festeggiato oggi dagli specialisti coinvolti e dai loro ospiti insieme al Consigliere di Stato competente Mario Cavigelli. I rischi geologici legati al Prättigauer Flysch e al passaggio sotto la Schanielatobel sono stati superati e con essi anche il principale rischio finanziario di superamento dei costi a seguito di grandi zone geologiche perturbate. La montagna si è mostrata clemente. Niente dovrebbe più ostacolare l'apertura della circonvallazione di Küblis nell'autunno 2016. I costi risultati finora rientrano nel preventivo di 210 milioni di franchi.
Alla conclusione dei lavori di scavo seguiranno le rifiniture interne della galleria con l'impermeabilizzazione, il rivestimento interno in calcestruzzo, la posa delle condotte di drenaggio e della vera e propria carreggiata, nonché il montaggio degli impianti elettromeccanici. Per quanto riguarda le opere esterne va ancora realizzato il raccordo completo Dalvazza. Dal 2016, tutti i paesi della Prettigovia saranno liberi dal traffico di transito della A28. 


Allegato:

Foglio informativo attuale dell'Ufficio tecnico dei Grigioni sulla circonvallazione di Küblis 

Indicazione:
Su www.gr.ch è possibile trovare un video su questo tema. 
 

Persone di riferimento:
- Roger Stäubli, capo costruzione strade, tel. 081 257 38 42, cell. 079 220 79 43
- Peter Stirnimann, addetto stampa Ufficio tecnico, tel. 081 257 37 11, cell. 079 291 72 75


Organo: Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste
Fonte: it Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste
Neuer Artikel