Navigazione principale

Contenuto della pagina

Lo studio di UBS sulla competitività va relativizzato

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
L'Indice di competitività dei Cantoni mostra la competitività relativa dell'economia dei 26 Cantoni svizzeri. Secondo lo studio di UBS pubblicato di recente, i Grigioni occupano uno degli ultimi posti. Il Governo grigionese osserva questo risultato facendo delle distinzioni: le principali aree economiche grigionesi sono senz'altro competitive. 

Stando al Global Competitiveness Report 2012-2013 del World Economic Forum (WEF), l'economia svizzera è la più competitiva tra quelle di oltre 100 Paesi di tutto il mondo. All'interno della Svizzera, UBS ha esaminato la competitività relativa dei Cantoni tra loro, con dieci criteri basati sulle dimensioni Stato, popolazione, ubicazione, aziende e struttura economica. Secondo questo indice di competitività, i Grigioni si piazzano al 23° posto su 26, davanti ai Cantoni del Vallese, di Uri e del Giura.

I Grigioni si collocano al terzo posto per quanto riguarda l'efficienza finanziaria, parametro che comprende un'efficiente fornitura di prestazioni da parte dello Stato e un ambiente interessante per le aziende. Anche per quanto riguarda il margine di manovra finanziario i Grigioni occupano il terzo posto. Se si considerano i costi, il Cantone si trova a metà della graduatoria, mentre occupa l'ultimo posto per quanto riguarda i criteri accessibilità e bacino di utenza e uno degli ultimi posti per quanto riguarda innovazione, dinamica e diversificazione.

Lo studio non ha considerato condizioni individuali che limitano il potenziale di crescita, quali ad esempio la situazione geografica o storica. Queste condizioni vanno considerate nell'interpretazione dei risultati dello studio. I Grigioni coprono circa un sesto del territorio della Svizzera. Ponendo in rapporto con gli altri Cantoni non l'intero Cantone, bensì solo importanti aree economiche grigionesi, come la Valle grigione del Reno o la bassa Prettigovia, i Grigioni ottengono risultati migliori proprio per quanto riguarda accessibilità e bacino di utenza, ma anche per quanto riguarda dinamica e diversificazione. Va annoverato tra gli elementi positivi il fatto che i Grigioni presentano un'elevata disponibilità alla formazione nella formazione professionale di base duale. Solo il 2 % circa di chi termina la scuola dell'obbligo non trova una soluzione successiva alla scuola popolare. Inoltre, i Grigioni presentano una percentuale superiore alla media per quanto riguarda la maturità professionale (CH 2011: 13,2 %; GR: 16,1 %). Questo investimento nella formazione del capitale umano si riflette, oltre che in altri fattori, in una bassa percentuale di disoccupazione (giovanile).

Secondo il Governo, il risultato dello studio va in questo senso relativizzato, mostra però con chiarezza che per quanto riguarda la competitività i Grigioni devono continuare a intraprendere sforzi per poter tenere il passo con gli altri Cantoni. 
 

Persona di riferimento:
Presidente del Governo Hansjörg Trachsel, direttore del Dipartimento dell'economia pubblica e socialità, tel. 081 257 23 01


Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel