Zum Seiteninhalt

Comunicato del Governo del 19 settembre 2013

Il Premio grigionese per la cultura 2013 viene conferito a Martin Bundi. Il Governo ha conferito il Premio per la cultura 2013, nonché nove premi di riconoscimento e dieci premi di incoraggiamento. Inoltre, il Governo si è occupato di diversi affari relativi ai comuni e alle regioni. 

Il Premio per la cultura 2013 va a Martin Bundi
Martin Bundi riceve dal Governo il Premio grigionese per la cultura 2013. Con il conferimento del Premio per la cultura 2013 a Martin Bundi, il Governo riconosce le sue pubblicazioni variegate e interessanti, nonché il suo proficuo impegno quale storico, politico che si impegna a favore della cultura, fautore del romancio, nonché della natura, della cultura e della storia nell'arco alpino retico. Il premio è dotato di 30 000 franchi.

Il Governo ha inoltre assegnato premi di riconoscimento per un ammontare di 20 000 franchi ciascuno a: Elisabeth Arpagaus, Riccarda Caflisch, Ignaz Cathomen, Leza Dosch, Balser Fried, Robert Grossmann, Otto Pajarola, Silke Redolfi e Reto Rigassi.
- Elisabeth Arpagaus riceve il premio quale riconoscimento per la sua ricerca imperterrita dell'essenza e del segreto dei colori ottenuti da molteplici materiali in diverse regioni del mondo e trasferiti su sensibili tavole di colori.
- Riccarda Caflisch riceve il premio per le sue interpretazioni virtuose e personali quale flautista e per il suo coraggioso confronto con la Nuova Musica.
- Ignaz Cathomen viene premiato per il suo contributo a favore del "Parc la Mutta" a Falera e per il suo costante impegno a favore della lingua e della cultura romancia.
- Leza Dosch riceve il premio per la sua ampia e competente ricerca, inventariazione e presentazione dell'arte nei Grigioni, in particolare dell'architettura del XIX e del XX secolo.
- Balser Fried viene premiato per la sua ricerca competente e la sua tenacia nella salvaguardia e nella promozione dell'ape nera, una specie di api indigena minacciata.
- Robert Grossmann riceve il premio quale riconoscimento per i suoi pluriennali contributi quali compositore, musicologo e strumentista su antichi strumenti a pizzico.
- Otto Pajarola viene premiato per la sua documentazione fotografica di paesaggio e persone, nonché per la sua attività quale animatore culturale versatile nella valle dello Schams.
- Silke Redolfi riceve il premio per le sue prestazioni quale storica e autrice, nonché per il suo instancabile impegno a favore dell'Archivio grigionese per la cultura delle donne.
- Reto Rigassi viene premiato per il suo impegno nel relazionare natura e territorio con concetti artistici sofisticati, capaci di interpretare e riproporre in un linguaggio universale la realtà.

Premi di incoraggiamento del valore di 20 000 franchi ciascuno vanno a: Gaudens Bieri, musicista; Laura Bott, artista figurativa; Maurus Gauthier, ballerino; Ursina Giger, musicista; Alessandro Ligato, Fotograf; Livio Russi, musicista; Flurina Sarott, musicista; Martin Wildhaber, musicista; Lydia Wilhelm, artista figurativa, nonché Valeria Zangger, musicista.
I premi saranno consegnati nell'ambito di una festa che si terrà venerdì 15 novembre 2013 alle ore 17.15 nella sala del Gran Consiglio a Coira. 

Diritto federale sulle guide di montagna e sullo sci ripreso nell'ordinanza cantonale
Il Governo ha deciso una revisione parziale delle disposizioni esecutive della legge sulle guide di montagna e sullo sci. In questo modo vengono create le necessarie disposizioni cantonali per l'esecuzione del nuovo diritto federale a partire dal 1° gennaio 2014. La revisione della legge cantonale sulle guide di montagna e sullo sci è prevista in una seconda fase, presumibilmente con entrata in vigore il 1° gennaio 2016. Quale soluzione transitoria, fino alla fine del 2015 saranno ancora valide le autorizzazioni cantonali rilasciate secondo il vecchio diritto, ovvero le formazioni nel settore delle guide di montagna e dello sci riconosciute a livello cantonale.
Il nuovo diritto federale disciplina diverse attività (quale guida alpina, aspirante guida alpina, maestro/a di sport sulla neve, istruttore/trice di arrampicata e accompagnatore/trice di escursionismo; canyoning; rafting in acque vive/discesa in acque vive; bungee jumping) offerte a titolo professionale in una determinata area con elevato potenziale di pericoli (montagne, terreno roccioso, torrenti, fiumi). I Cantoni devono disciplinare le competenze e le procedure relative alle autorizzazioni e ai procedimenti penali, procedere a registrazioni in una banca dati, nonché stabilire gli emolumenti. Essi sono inoltre autorizzati a emanare limitazioni di accesso per determinate aree, nonché un inventario delle attività fuori pista con escursioni e discese. Da questo inventario risulta la formazione o l'autorizzazione richiesta dal diritto federale per la rispettiva attività fuori pista. L'inventario non è esaustivo e non ha carattere giuridicamente vincolante. L'inventario non comprende gli itinerari delle escursioni con gli sci, lo snowboard e le racchette da neve. 

Tre centrali idroelettriche valutate in merito all'obbligo del risanamento dei deflussi residuali
Dopo la sentenza indicativa del Tribunale federale nella causa Officine Idroelettriche di Mesolcina in relazione al risanamento dei deflussi residuali conformemente alla legge federale sulla protezione delle acque, il Governo ha valutato in via definitiva altre tre centrali idroelettriche nel Cantone. Si rinuncia al risanamento dei deflussi residuali delle centrali idroelettriche Mulin (Comune di Trin), Schanaus (Comune di Lumnezia) e Preda (Comune di Bergün). Nel caso della centrale idroelettrica Mulin, il grado di compromissione del corso d'acqua interessato dovuto all'attività della centrale non rende necessario un risanamento conformemente alla legge federale. Le centrali idroelettriche Schanaus e Preda rappresentano due casi in cui, dopo vasti accertamenti, il risanamento dei deflussi residuali può essere considerato sproporzionato. I Comuni quali proprietari degli impianti idroelettrici sono esonerati dall'obbligo di risanamento. 
 

Dai comuni e dalle regioni 
  • Bonaduz: viene approvata la modifica del piano di area 1:2000 Ginellas – Ruver – Caschners, decisa il 22 aprile 2013 dal Comune di Bonaduz. In questo modo viene dato il via libera alla seconda tappa di edificazione. In zona "Ruver" si tratta di una superficie di circa 1,74 ettari e in zona "Caschners" di una superficie di circa 0,64 ettari.
  • Churwalden: viene approvato con riserva il piano generale di urbanizzazione 1:2000 viabilità, Parpan / Stettli, deciso dal Comune di Churwalden il 27 settembre e il 2 ottobre 2012. La procedura di approvazione per i percorsi per mountain bike viene sospesa fino all'approvazione dei rimanenti piani generali di urbanizzazione risultanti dalla revisione totale della pianificazione locale.
  • Poschiavo: fatta salva la concessione di un contributo federale, al Comune di Poschiavo viene concesso un contributo cantonale di al massimo 130 680 franchi per la sistemazione dei danni alla strada agricola Clüs-Campel, tratto Vestac da Capitul. Il Comune è tenuto a contribuire al sussidio in misura del 13 per cento.
  • Samnaun: viene approvato il progetto di costruzione per la realizzazione di un marciapiede lungo la strada per Samnaun fuori dall'abitato di Samnaun, tratto stazione di servizio Clis da Ravaisch - parcheggio Riva. Alle spese viene garantito un contributo cantonale di al massimo 103 764 franchi.
  • Arosa: per i lavori della bonifica integrale Lüen viene stanziato un contributo cantonale di al massimo 2 429 700 franchi. Fatta salva un'aliquota di contributo della Confederazione pari al 50 per cento, l'aliquota di contributo del Cantone ammonta complessivamente al 35 per cento.
  • Cazis: al Comune di Cazis viene garantito un contributo di 51 480 franchi per il rinnovo della captazione di sorgente 8, Lescha. Si presuppone il sovvenzionamento da parte della Confederazione.
  • Schiers: al Comune di Schiers viene garantito un contributo di 209 250 franchi per l'approvvigionamento idrico Stelserberg. È fatto salvo il sovvenzionamento da parte della Confederazione.

Sussidi cantonali a favore di diverse istituzioni  
  • Fondazione Pro Kloster St. Johann a Müstair: alla fondazione "Pro Kloster St. Johann in Müstair" viene garantito un contributo di al massimo 235 000 franchi per la tappa 2013 del restauro del monastero di San Giovanni in Val Monastero, Müstair, quale provvedimento di cura dei monumenti.

Progetti stradali
Il Governo ha approvato un progetto stradale per la sistemazione della strada del Flüela, tratto Pedrawald – Tufflisbach. Su questo tratto (ca. 910 metri), la strada si trova in cattivo stato e deve essere risistemata.
Inoltre, il Governo ha stanziato 1,35 milioni di franchi per lavori di costruzione lungo il seguente tratto stradale:
- Strada nazionale della Prettigovia: installazione di ventilatori per l'evacuazione dell'aria di scarico circonvallazione di Küblis 
 

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni