Navigation

Inhaltsbereich

Preventivo 2014: il Cantone prevede un disavanzo di 58 milioni

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
La Consigliera di Stato Barbara Janom Steiner ha presentato oggi ai media il preventivo per il 2014, che prevede un disavanzo di 58 milioni di franchi. Il piano finanziario 2015-2017 rielaborato parte da un costante peggioramento della situazione finanziaria.

Nel prossimo anno, il Cantone riceverà 24 milioni in meno dalla perequazione finanziaria della Confederazione. Per quanto riguarda i contributi a terzi si registra di nuovo un forte aumento. Inoltre, contributi maggiori per investimenti gravano sul conto economico. La compensazione con risparmi in altri settori politici della crescita dinamica dei contributi nei settori sanità e socialità, ma anche delle conseguenze finanziarie dovute ad adeguamenti legislativi decisi come la legislazione scolastica raggiunge il proprio limite.


Preventivo 2014
  • Il risultato operativo mostra un'eccedenza di spesa di 58 milioni. Dedotti gli ammortamenti complessivamente più elevati a seguito delle prescrizioni relative alla presentazione dei conti secondo MCA2 e i progetti innovativi finanziati separatamente, il disavanzo del preventivo ammonta a 50,2 milioni. Viene così rispettato il limite di 50 milioni prescritto dal Gran Consiglio per quanto riguarda il disavanzo del preventivo. Contrariamente alla maggior parte dei Cantoni, che per il 2014 hanno dovuto presentare dolorosi programmi di sgravio o di risparmio, grazie a prescrizioni restrittive relative al preventivo e al piano finanziario, nonostante l'inarrestabile aumento delle spese nel settore dei contributi si è potuto rinunciare a un programma di risparmio generale.
  • Le spese per il personale aumentano moderatamente dello 0,5 per cento. Esse comprendono l'evoluzione degli stipendi prescritta dalla legge pari all'1,0 per cento. Nel preventivo non è stato considerato un rincaro degli stipendi.
  • Le spese di riversamento comprendono, oltre a indennizzi e contributi a favore di enti pubblici e di terzi, anche le spese per la perequazione finanziaria e la compensazione degli oneri, nonché gli ammortamenti su contributi per investimenti. Con un importo di circa 1,2 miliardi, le spese di riversamento superano di quasi mezzo miliardo le spese per l'Amministrazione centrale (spese per il personale, per beni e servizi e altre spese d'esercizio). Sono previsti contributi a enti pubblici e terzi per oltre 908 milioni (+1,2 %).
  • Rispetto al preventivo 2013, è previsto un gettito fiscale superiore del 3,7 per cento di cui 9 milioni da entrate fiscali delle persone fisiche e 10 milioni da entrate fiscali delle persone giuridiche. In base alle entrate fiscali 2012 risulta che il preventivo 2013 è stato troppo basso.
  • Per quanto riguarda le uscite per investimenti, il Governo continua la sua politica degli investimenti costante e affidabile per l'economia grigionese. L'anno prossimo sono previsti investimenti diretti o tramite contributi a terzi per 408 milioni (+11 mio.).
  • Per la costruzione e la manutenzione delle strade cantonali sono previste spese pari a 193 milioni. Oltre all'attribuzione dei proventi netti dell'Ufficio della circolazione pari a circa 80 milioni e al contributo da mezzi statali generali pari a 20 milioni, gran parte delle spese nel settore delle strade viene assunta dalla Confederazione.


Piano finanziario 2015–2017

Il piano finanziario 2015-2017 rielaborato presenta nel conto economico disavanzi compresi tra 73 e 97 milioni, i limiti prescritti dal Gran Consiglio vengono dunque superati in ogni anno di pianificazione. Vi è ancora una necessità di agire, poiché in linea di principio persiste la tendenza all'aumento delle spese con una temporanea situazione di reddito insicura. Nel piano finanziario, la riforma in corso della perequazione finanziaria grigionese, che prevede ulteriori oneri per il Cantone, viene considerata con una forfetaria. Gli sviluppi a livello federale e le loro conseguenze sui flussi finanziari tra Confederazione e Cantoni rimangono un fattore centrale di influsso, ma anche di insicurezza per il bilancio statale grigionese. La riduzione della dipendenza da questi parametri difficilmente influenzabili è uno dei presupposti per una situazione finanziaria sana ed equilibrata del Cantone.


Il Gran Consiglio discuterà il preventivo 2014 nella sessione di dicembre 2013.


Per ulteriori informazioni sul preventivo 2014 rivolgersi a:

Consigliera di Stato Barbara Janom Steiner
Direttrice del Dipartimento delle finanze e dei comuni
barbara.janom@dfg.gr.ch, 081 257 32 01

Andrea Seifert
Capo dell'Amministrazione delle finanze
andrea.seifert@five.gr.ch, 081 257 33 01

Neuer Artikel