Zum Seiteninhalt

Confederazione e Cantone provvedono alla sicurezza nelle regioni di confine

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Consigliere di Stato Christian Rathgeb, direttore del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità e Markus Kobler, comandante del Corpo delle guardie di confine III, hanno incontrato oggi a Poschiavo le autorità comunali della valle e hanno informato in merito alla situazione della sicurezza nella regione di confine.

A seguito della soppressione dei controlli di frontiera nell'area Schengen, in tutta la Svizzera il turismo della criminalità è aumentato. Si registra in particolare un aumento dei delitti patrimoniali e dei furti con scasso. Nei Grigioni ne sono interessate soprattutto le regioni lungo l'asse di transito della A13 e la Surselva. Nel 2013, in Valposchiavo il numero dei furti con scasso è raddoppiato salendo a 15, ciò che dovrebbe aver aumentato il senso di insicurezza nella valle. 

Lotta decisa alla criminalità
Come ha assicurato oggi il Consigliere di Stato Christian Rathgeb in occasione dell'incontro con le autorità tenutosi a Poschiavo, la situazione nella valle, ma anche nella vicina Valtellina, viene tenuta costantemente sotto controllo. La Polizia cantonale dei Grigioni prende molto sul serio la situazione in Valposchiavo e ha avviato delle misure. Ad esempio, in tutto il territorio cantonale il baricentro degli interventi è stato spostato maggiormente verso compiti di polizia di sicurezza e di polizia criminale. Sono inoltre state svolte diverse azioni mirate, alcune in collaborazione con il Corpo delle guardie di confine. Per contrastare con decisione la crescita del turismo della criminalità, il Consigliere di Stato Rathgeb si impegna a favore di un rafforzamento del corpo di polizia e di una stretta collaborazione con il Corpo delle guardie di confine e con le regioni estere confinanti. Per quanto riguarda la polizia, si sta attualmente esaminando la creazione di un gruppo d'intervento mobile che potrebbe essere impiegato in modo flessibile su tutto il territorio cantonale e quindi in particolare anche in Valposchiavo. La decisione in merito a un aumento dell'effettivo della Polizia cantonale spetterà al Gran Consiglio. 

Le dogane a sostegno della Valposchiavo
Il riesame del dispositivo costituisce un compito di condotta permanente anche in seno all'Amministrazione delle dogane. Si tratta di verificare l'organizzazione e la disposizione esistenti e di adeguarle a nuovi rischi. La comunicazione dell'adeguamento del dispositivo doganale nel Cantone dei Grigioni ha provocato insicurezza nella popolazione della Valposchiavo. Per la Direzione di circondario delle dogane di Sciaffusa e il Corpo delle guardie di confine di Coira è perciò molto importante spiegare le decisioni prese. Ecco i fatti:
Al valico di Campocologno sarà possibile sbrigare le pratiche doganali nel traffico di merci commerciabili come finora, da lunedì a venerdì dalle 7.30 alle 12.00 e dalle 13.30 alle 17.30. Di sabato ciò sarà possibile previo annuncio. Il team attuale sarà rafforzato con un collaboratore supplementare. Nel traffico viaggiatori vengono soppressi i rigidi orari per il disbrigo delle pratiche. Grazie allo sfruttamento delle sinergie con la dogana civile, i viaggiatori potranno anche in futuro sfruttare i servizi durante gli orari sopra indicati. Al di fuori di questi orari, le dichiarazioni doganali potranno avvenire come finora con la procedura di autodichiarazione scritta (bucalettere).
L'intervento delle guardie di confine non è più legato agli orari in cui è possibile sbrigare le pratiche. Esso può avvenire in modo flessibile, adeguato alla situazione, ma anche a sorpresa al valico doganale o nella fascia di confine. In questo modo, di notte o nei fine settimana è possibile reagire rapidamente con controlli e interventi mirati. La stretta collaborazione con la Polizia cantonale dei Grigioni viene mantenuta.

L'effettivo di sette guardie di confine rimane invariato. Le guardie di confine che nei prossimi anni andranno in pensione anticipata saranno gradualmente sostituite. Il 6 gennaio 2014, quattro aspiranti di madrelingua italiana hanno iniziato la loro formazione di guardia di confine a Liestal. 
 

Persone di riferimento:
- Consigliere di Stato Dr. Christian Rathgeb, direttore del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità, tel. 081 257 25 01, e-mail christian.rathgeb@djsg.gr.ch  
- Colonnello Markus Kobler, comandante della regione delle guardie di confine III, tel. 081 257 58 00, e-mail markus.kobler@ezv.admin.ch  
 

Organo: Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità
Fonte: it Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità
Neuer Artikel