Zum Seiteninhalt

Il commissario governativo per Roveredo presenta rapporto

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo ha preso atto del rapporto del commissario governativo per il Comune di Roveredo. Anche se la capacità istituzionale delle autorità è nuovamente data, dal punto di vista politico la situazione rimane difficile e tesa. Per il momento non si impongono ulteriori misure di diritto di vigilanza.

Con decreto governativo del 29 gennaio 2013, il Governo ha nominato l'avv. Dr. Lorenzo Anastasi, ex presidente del Tribunale amministrativo del Cantone Ticino, quale commissario governativo per il Comune di Roveredo. Questa misura di vigilanza si è imposta dopo che il 23 gennaio 2013 il sindaco e altri due municipali hanno rassegnato le loro dimissioni immediate, ciò che ha privato l'esecutivo della capacità di deliberare e di agire. L'obiettivo prioritario della misura decisa consisteva nel ripristinare e garantire la completezza del Municipio e quindi la sua capacità di agire e di deliberare fino alle elezioni supplementari, o meglio fino all'entrata in carica dei municipali eletti. Il mandato del commissario governativo sarebbe scaduto a quel momento. Al contempo, il commissario governativo era stato invitato a presentare un rapporto a destinazione del Governo una volta concluso il suo mandato.

Dopo che con le elezioni supplementari del 27 ottobre 2013 il Municipio ha potuto essere di nuovo completato, il commissario governativo ha presentato al Governo il suo rapporto conclusivo. In esso si prende posizione in merito a diversi ambiti che hanno portato a discussioni e sono stati oggetto di confronti durante l'attività del commissario governativo (dal 29 gennaio al 7 novembre 2013).

Secondo la valutazione del commissario governativo, l'astensione di due partiti dalla vita politica della comunità sottolinea la frattura politica esistente nel Comune. Se non si dovesse riuscire a ritrovare una buona intesa e la fiducia reciproca, nonché il necessario rispetto tra i partiti politici, almeno fino alle elezioni generali del prossimo autunno, le divergenze d'opinione e la perdita di fiducia nella politica comunale potrebbero portare ancora a conflitti. Per concludere, il commissario governativo vede una soluzione duratura alle difficoltà nella discussa aggregazione di comuni in Mesolcina, che cambierà radicalmente in positivo il futuro del Comune. 
 

Persona di riferimento:
Consigliera di Stato Barbara Janom Steiner, direttrice del Dipartimento delle finanze e dei comuni, tel. 081 257 32 01, e-mail barbara.janom@dfg.gr.ch  
 

Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel