Zum Seiteninhalt

"Isolare aiuta a riscaldare": passi concreti per la svolta energetica

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Con una nuova manifestazione itinerante, l'Ufficio cantonale dell'energia e dei trasporti rende visibile e comprensibile un settore importante della svolta energetica. L'8 dicembre 2014 la manifestazione inizierà a Coira. Due modelli di casa riscaldati con una candela dimostrano l'effetto dell'isolazione termica e il diverso grado di comfort in un vecchio edificio poco isolato rispetto a quelli in un edificio risanato in modo esemplare dal punto di vista energetico.

La strategia energetica 2050 di Confederazione e Cantoni comprende in sostanza tre settori: abbandono dell'energia nucleare, promozione di nuove energie rinnovabili ed efficienza energetica. A sua volta, l'efficienza energetica comprende soprattutto il risanamento termico di edifici esistenti. Con il progetto "Isolare aiuta a riscaldare", questo settore parziale della svolta energetica va sviluppato e il tasso di risanamento degli edifici esistenti va aumentato. Le case ben isolate presentano molti vantaggi: costi energetici inferiori, maggiore comfort, migliori possibilità di locazione e maggiore conservazione del valore. Inoltre, le risorse vengono usate in modo parsimonioso e il clima viene protetto in modo duraturo. 

Si parte da Coira per arrivare a Davos
Durante la manifestazione itinerante dell'Ufficio dell'energia e dei trasporti, i due diversi modelli di casa riscaldati con una candela mostrano che la temperatura raggiunta nel vecchio edificio è solo modesta, mentre nella casa risanata si sviluppa una temperatura ambiente gradevole, nonostante sia inverno. Lunedì 8 dicembre 2014 alle ore 18.15 il progetto partirà da Coira, sulla Theaterplatz. La mostra itinerante si concluderà il 12 febbraio 2015 a Davos sotto il patronato del landamano Tarzisius Caviezel. Tutte le tappe hanno l'etichetta "Città dell'energia". Il 5 gennaio 2015 la mostra sarà a Ilanz, il 14 gennaio 2015 a Landquart e il 29 gennaio 2015 a St. Moritz. Le due casette rimarranno sul posto per una settimana e alla fine si svolgerà anche una serata informativa, durante la quale verranno presentati tra le altre cose i programmi di promozione esistenti e la procedura in caso di risanamento di edifici. 

I programmi di promozione premiano l'iniziativa privata
Il Cantone dei Grigioni dispone di molte possibilità per promuovere il risanamento di edifici esistenti. Con i programmi di promozione, i proprietari innovativi che rinnovano i loro immobili vengono premiati finanziariamente. Nel quadro del Programma Edifici nazionale vengono sostenute finanziariamente le parti edili dell'involucro dell'edificio. Il Cantone dei Grigioni promuove risanamenti completi sulla base dei requisiti del Programma Edifici nazionale. Inoltre, vengono promossi impianti tecnici in edifici esistenti (impianti solari, impianti di riscaldamento a legna, pompe di calore, ecc.) per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Da gennaio 2015, nel quadro di una campagna di promozione limitata nel tempo il Cantone dei Grigioni sostiene anche risanamenti Minergie.

Sui seguenti siti si possono ottenere informazioni dettagliate in merito ai programmi di promozione:
www.ilprogrammaedifici.ch (programma edifici nazionale)
www.aev.gr.ch/ee/beitraege (Cantone dei Grigioni)

"Isolare aiuta a riscaldare": le tappe
Coira Theaterplatz dall'8 al 15 dicembre 2014
Ilanz Rathausplatz dal 5 al 12 gennaio 2015
Landquart Roter Platz dal 14 al 22 gennaio 2015
St. Moritz Gemeindeplatz dal 29 gennaio al 5 febbraio 2015
Davos Bubenbrunnenplatz dal 12 al 19 febbraio 2015


Indicazione per i media:
Manifestazione d'apertura a Coira, lunedì 8 dicembre 2014, ore 18.15, sulla Theaterplatz


Fotografie allegate:
-
"Isolare aiuta a riscaldare": realizzazione dei modelli

-
"Isolare aiuta a riscaldare": i modelli pronti


Persona di riferimento:
Barthli Schrofer, Ufficio dell'energia e dei trasporti, tel. 081 257 36 97, e-mail bar-thli.schrofer@aev.gr.ch
 

Organo: Ufficio dell'energia e dei trasporti dei Grigioni
Fonte: it Ufficio dell'energia e dei trasporti dei Grigioni
Neuer Artikel