Zum Seiteninhalt

Comunicato del Governo del 28 dicembre 2017

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen
Il Governo ha preso posizione in merito a un progetto posto in consultazione dalla Confederazione e ha posto in vigore la legge sulla cura degli ammalati con effetto al 1° gennaio 2018. Inoltre ha stanziato contributi cantonali per un centro di ricerca a Landquart.

Presa di posizione in merito al divieto di acquisto di armi da fuoco semiautomatiche
Il Governo ha preso posizione in merito al decreto federale concernente il recepimento della direttiva UE 2017/853 che modifica la direttiva sulle armi. L'elemento chiave della direttiva UE proposta è costituito dal divieto di acquisto di armi da fuoco semiautomatiche. Il Governo grigionese è favorevole a tale proposta. Tuttavia, con la legge sulle armi la Svizzera dispone già di uno strumento sufficiente per raggiungere gli obiettivi posti dalla direttiva UE. Il Governo è perciò convinto che la legge federale sulle armi debba essere adeguata per quanto riguarda la nuova classificazione delle armi da fuoco semiautomatiche, ma che per il resto si debba procedere a un'attuazione pragmatica. In questo senso il Governo richiede una revisione dell'allegato al decreto federale in questione.

La legge sulla cura degli ammalati viene posta in vigore
La legge cantonale sulla promozione della cura degli ammalati e dell'assistenza alle persone anziane e bisognose di cure del 30 agosto 2017 viene posta in vigore con effetto al 1° gennaio 2018. Inoltre il Governo ha emanato la revisione totale dell'ordinanza della legge sulla cura degli ammalati. In tal modo vengono attuate le misure contenute nel rapporto del Governo relativo al finanziamento degli ospedali e delle cure nel Cantone dei Grigioni, sostenute dal Gran Consiglio nella sessione di giugno 2016. Inoltre la legge presenta ora una struttura più chiara ed è di più facile comprensione.

Il centro di ricerca a Landquart riceve un ulteriore sostegno
Nel quadro di un nuovo accordo di prestazioni stipulato con Centre Suisse d'Electronique et de Microtechnique SA (CSEM SA), il Governo ha garantito al centro di ricerca CSEM un contributo cantonale di quattro milioni di franchi complessivi per gli anni 2018 – 2021. Vi si aggiunge un contributo nel quadro della nuova politica regionale (NPR) di ulteriori quattro milioni di franchi complessivi, a carico in ragione della metà ciascuno di Confederazione e Cantone. Nell'accordo di prestazioni vengono prospettati i medesimi contributi anche per gli anni 2022 – 2025. Da un lato questo crea una sicurezza di pianificazione e d'altro lato, dopo quattro anni, dovrà esservi una verifica del raggiungimento degli obiettivi ed eventualmente un adeguamento a condizioni quadro mutate. Sono fatte salve le corrispondenti approvazioni dei crediti da parte del Gran Consiglio, nonché l'approvazione del programma di attuazione NPR 2020 – 2023 da parte di Cantone e Confederazione.
Il centro di ricerca CSEM di Landquart riveste un ruolo importante nel processo di innovazione delle imprese tecnologiche regionali. Il centro determina regolarmente, grazie a contatti diretti con le imprese, le esigenze specifiche regionali di ogni settore e le riassume in un portafoglio tecnologico. La grande fama del CSEM aumenta quindi le possibilità che nella regione vengano a insediarsi altre imprese attive nel settore high-tech. Il CSEM permette alle PMI e alle imprese industriali esistenti di accedere a know-how e alle tecnologie più moderne.

-
Produzione di bio-sensori elettrochimici stampati
©CSEM SA

Commissione aiuta a coordinare le donazioni per la Bregaglia
Dopo l'evento naturale disastroso verificatosi in Bregaglia, ora si tratta di determinare concretamente l'entità dei danni materiali e di garantire il finanziamento. Diverse organizzazioni di aiuto nonché il Comune di Bregaglia stesso hanno ricevuto donazioni per un importo considerevole. In base all'ordinanza relativa alla legge sulla protezione della popolazione (art. 20, OLCPP; CSC 630.010), all'Ufficio per i comuni (UC) spetta un ruolo particolare in relazione all'impiego delle donazioni ricevute. Le donazioni devono essere impiegate in modo lecito e opportuno, non devono portare a un finanziamento eccessivo e devono raggiungere i destinatari "giusti". Le esperienze in relazione a danni causati dal maltempo in passato hanno evidenziato che, in caso di sinistri di maggiore entità, una commissione per le donazioni può fornire un prezioso lavoro di coordinamento. Il Governo ha preso atto dell'istituzione di una tale commissione, presieduta da Alberto Crameri, fino a fine gennaio 2018 segretario di concetto del Dipartimento costruzioni, trasporti e (DCTF).
La commissione deve in sostanza adempiere i seguenti compiti: presa in consegna delle notifiche del danno o richieste di aiuto, coordinamento delle richieste di sostegno, determinazione e registrazione delle donazioni pervenute, attribuzione e coordinamento della prestazione di aiuto finanziata con donazioni, attribuzione di mezzi provenienti dal conto per donazioni del Comune nonché informazione e rapporto.

Autorizzata la gestione di un grado secondario I con un numero di allievi inferiore al minimo previsto a Samnaun
Il Governo ha accolto la domanda dell'ente scolastico di Samnaun volta a ottenere l'autorizzazione per la gestione di un grado secondario I con un numero di allievi inferiore al minimo previsto per gli anni scolastici 2018/19-2022/23. Il mantenimento di un grado secondario I nel Comune di Samnaun rappresenta un contributo essenziale a favore dell'attrattiva della piazza economica e quale luogo di domicilio.
In uno studio commissionato dal Comune di Samnaun, un team di progetto ha abbozzato diverse possibilità. Nell'ottobre 2017 la Conferenza dei sindaci della regione Engiadina Bassa/Val Müstair ha deciso di sviluppare e attuare gradualmente a partire dal 1° gennaio 2018 il "modello di cooperazione" abbozzato nello studio.
Il "modello di cooperazione" si distingue per le seguenti tre caratteristiche:
- la struttura di approvvigionamento decentralizzata viene sostanzialmente mantenuta;
- a titolo di novità viene creato un organo di coordinamento regionale operativo;
- tra le tre sottoregioni "Samnaun/Valsot", "Scuol/Sent" und "Zernez/Val Müstair" deve essere sviluppata una stretta collaborazione.
L'autorizzazione per la gestione di un grado secondario I con un numero di allievi inferiore al minimo previsto è stata vincolata alla condizione che il Comune di Samnaun partecipi attivamente allo sviluppo e all'attuazione del modello di cooperazione.


Organo: Governo
Fonte: it Cancelleria dello Stato dei Grigioni
Neuer Artikel