Navigazione principale

Contenuto della pagina

I comprensori sciistici rimangono aperti – come previsto le vaccinazioni prenderanno il via il 4 gennaio nelle case per anziani

  • Erste Mitteilung
  • Neuen Beitrag einfügen

I comprensori sciistici nei Grigioni potranno rimanere aperti; la situazione epidemiologica nel Cantone lo permette. A partire dal 31 dicembre 2020 il Governo concederà primi alleggerimenti agli esercizi di ristorazione situati nei comprensori sciistici nel settore del take-away: le terrazze potranno essere utilizzate di nuovo e il divieto di consumare alcolici nei comprensori sciistici verrà revocato con effetto alle ore 24:00 di domenica 3 gennaio 2021. Il 4 gennaio 2021 nel Cantone prederanno il via le vaccinazioni di persone particolarmente a rischio nelle case per anziani.

I provvedimenti adottati dal Cantone e dalla Confederazione si stanno rilevando efficaci: il numero delle persone in isolamento (612) è nuovamente diminuito. Sono diminuiti anche il numero di nuovi casi registrati al giorno nella media settimanale nonché il tasso di riproduzione determinante. Attualmente il tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva rientra nella media; tali reparti non sono sovraccarichi. Tuttavia il Governo invita a non abbassare la guardia; a causa delle festività e dello scarto temporale tra lo svolgimento dei test e la comunicazione dei risultati attualmente è difficile valutare la situazione epidemiologica.

Per il momento gli esercizi di ristorazione rimarranno chiusi
Per non compromettere i risultati raggiunti, i provvedimenti in vigore devono continuare a essere messi in atto senza eccezioni. Pertanto gli esercizi di ristorazione rimarranno chiusi durante le festività di Capodanno. Il Governo è consapevole che attualmente il settore della ristorazione è tra i più colpiti. Per tale ragione, nel quadro di una valutazione complessiva, all'inizio di gennaio esso esaminerà se vi sono le condizioni per riaprire, ma anche come si potrà sostenere il settore in via aggiuntiva.

Primi alleggerimenti per gli esercizi situati nei comprensori sciistici 
A partire dalle ore 07:00 del 31 dicembre 2020, agli esercizi che vendono cibi e bevande da asporto all'interno dei comprensori sciistici verranno concessi primi alleggerimenti: essi potranno tornare a mettere a disposizione posti a sedere nelle aree esterne. A ogni tavolo potranno prendere posto al massimo 4 persone e tra gruppi di ospiti dovrà essere rispettata una distanza di 1,5 metri. Le direttive dettagliate verranno comunicate direttamente agli operatori del settore. Tra l'altro l'esercizio deve mettere a disposizione una persona che controlli e se necessario imponga il rispetto delle direttive e che guidi i flussi di persone. Fatta eccezione per l'uso dei bagni nonché per salire e scendere direttamente da impianti di trasporto, continuerà a essere vietato trattenersi negli spazi chiusi. Devono in ogni caso essere rispettati i piani di protezione validi per il settore della ristorazione. Il divieto di consumare alcolici nei comprensori sciistici verrà revocato dalle ore 24:00 di domenica 3 gennaio 2021. 

Piani di protezione migliorati
Le esperienze maturate negli ultimi giorni dimostrano che gli ospiti nei comprensori sciistici si distribuiscono bene tra le diverse strutture. Ciò permette di evitare assembramenti di persone, i quali comportano un rischio di contagio. Laddove necessario, i gestori degli impianti hanno migliorato in tempi rapidi i propri piani di protezione e la relativa attuazione. Infine anche la limitazione del numero di persone presenti all'interno dei comprensori sciistici ha portato a una riduzione dell'afflusso di persone. I tentativi di aggirare le regole esistenti o di sfruttare le zone grigie giuridiche sono da considerare espressione di negligenza e scarsa solidarietà. Essi mettono notevolmente a rischio possibili allentamenti in tempi brevi. Il Governo ringrazia espressamente tutte le aziende responsabili, che con un onere elevato attuano e controllano le prescrizioni in modo corretto ed esemplare.

Prime vaccinazioni nelle case per anziani il 4 gennaio
Come previsto, a partire dal 4 gennaio 2021 verranno effettuate le prime vaccinazioni nel Cantone. Secondo quanto prescritto dalla Confederazione, queste verranno svolte nelle istituzioni previste per i gruppi di persone previsti. Le prime 2'600 dosi assegnate dall'UFSP al Cantone verranno somministrate da team mobili e saranno sufficienti per vaccinare 1'300 persone. A seguito della disponibilità limitata del vaccino, all'inizio della campagna di vaccinazione va data la precedenza a persone particolarmente a rischio di età superiore a 75 anni e a ospiti di case per anziani e di cura, al personale sanitario a contatto con i pazienti e al personale che presta assistenza a persone particolarmente a rischio. Centri di vaccinazione e di test regionali sono in fase di allestimento ed entreranno in funzione a partire dalla seconda metà di gennaio. Fino a fine gennaio il Cantone ha a disposizione complessivamente circa 9'000 dosi di vaccino. Consulenze individuali per quanto riguarda la vaccinazione sono di competenza dei medici di famiglia. Presumibilmente a partire da metà gennaio sarà possibile annunciarsi per sottoporsi alla vaccinazione; ciò avverrà in forma elettronica attraverso una piattaforma nazionale, tramite una registrazione online da effettuare in prima persona oppure tramite il medico di famiglia. Non appena sarà possibile annunciarsi, le relative informazioni saranno pubblicate sul sito web del Cantone (www.gr.ch/coronavirus). 

Il Governo ringrazia la popolazione per la solidarietà dimostrata e per aver rispettato i provvedimenti volti a contenere la pandemia e rivolge a tutti i migliori auguri per l'anno nuovo.


Informazioni: 
Servizio di comunicazione coronavirus del Cantone dei Grigioni, e‑mail kfsmedien@amz.gr.chtel. +41 79 716 22 95 (esclusivamente per i giornalisti)


Gremium: Governo
Quelle: it Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità

Neuer Artikel