Contenuto della pagina

Registro di commercio

Hamilton, Bonaduz (© Graubünden Ferien)

In Svizzera il registro di commercio è organizzato in modo decentralizzato. In linea di principio sono i Cantoni a essere competenti per la sua tenuta.

L'IRFRC gestisce il registro di commercio, che serve a costituire e identificare le imprese. Il registro ha lo scopo di registrare e pubblicare fatti giuridicamente rilevanti e garantisce la certezza del diritto nonché la protezione di terzi. Il registro è pubblico e chiunque può richiedere estratti e copie di atti.

Nel registro di commercio sono iscritte circa 15'000 imprese attive.

L'oggetto dell'iscrizione e della pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio (FUSC) è costituito da fatti con effetto giuridicamente vincolante e legati sostanzialmente a soggetti giuridici privati, in parte anche a istituzioni semistatali e statali. Sulla base del principio della pubblicità del registro di commercio esiste una presunzione di conoscenza. Nessuno può appellarsi al fatto che non conosce il contenuto dell'iscrizione (art. 933 CO).

Ufficiale dei registri: Lombardini Arno, avv. lic. iur.
Sostituto: Schmid Thomas

Orari di sportello

08:00 - 12:00 e 14:00 - 17:00, venerdì fino alle 16:00

Termini di notificazione per il registro di commercio

 Le pratiche di iscrizione che devono essere iscritte nel registro di commercio ancora in giugno o in dicembre 2020 devono essere inoltrate in modo idoneo all'iscrizione all'Ispettorato del registro fondiario e registro di commercio al più tardi entro 11 giugno 2020 o 11 dicembre 2020 (timbro postale o timbro di ricezione dell'Ispettorato del registro fondiario e registro di commercio). Le pratiche pervenute più tardi verranno elaborate il più presto possibile nei limiti delle nostre capacità.

Abolizione delle azioni al portatore
Dal 1. novembre 2019 le azioni al portatore sono di fatto state abolite (art. 622 Diritto delle obbligazioni, CO). Le azioni al portatore saranno ammesse soltanto se la società ha titoli di partecipazione quotati in borsa o se le azioni al portatore rivestono la forma di titoli contabili. Le società anonime che non soddisfano questi requisiti, devono convertire entro il 30 aprile 2021 le loro azioni al portatore in azioni nominative mediante la modifica dello statuto. Il 1. maggio 2021 le azioni al portatore non ammesse saranno convertite per legge in azioni nominative. Si prega di consultare la seguente guida della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI) https://www.sif.admin.ch/sif/it/home/dokumentation/fachinformationen/anleitungen_global_forum.html