Navigazione principale

Contenuto della pagina

Lasciti o ampie collezioni di o relative a persone

Armanno Abeni

Armanno Abeni (1933-2006), originario dell'Italia settentrionale, dal 1959 visse in Prettigovia, dove, oltre a svolgere la professione di camionista, a partire dagli anni '70 cominciò a fissare su celluloide con la sua cinepresa innumerevoli eventi, feste e scene naturali della sua patria d'elezione. "Il cineasta" elaborava successivamente il materiale filmato, integrava dissolvenze adeguate e a volte compariva personalmente nei suoi filmati. Il suo impressionante lascito di filmati comprende circa 15 chilometri di pellicole Super 8 e 40 cassette VHS-C ed è stato catalogato dalla mediatrice culturale della Prettigovia Marietta Kobald.

Vai alla collezione

Carl Brandt

Carl Brandt (1893-1972) trascorse la sua infanzia a Lindau e Francoforte e portò a termine la formazione di fotografo lavorando nel negozio del padre. In seguito a un incidente, nel 1916 si recò ad Arosa per un soggiorno di cura. Il paesaggio montano svizzero gli piacque così tanto che vi rimase e iniziò a lavorare quale impiegato stagionale per diversi fotografi. Nel 1920 aprì una propria attività ad Arosa e più tardi delle filiali a Bad Ragaz e Soletta.

Carl Brandt si specializzò nella fotografia paesaggistica, ritrattistica e turistica. Produsse delle foto per esercizi alberghieri, girò film su manifestazioni sportive e realizzò delle cartoline. Nel suoi film, Carl Brandt documenta la Arosa degli anni '30. I film forniscono una panoramica sulla vita serena dell'alta società internazionale prima dello scoppio della seconda guerra mondiale nel 1939.

Il fondo di Carl Brand, che appartiene al "Heimatmuseum Arosa Schanfigg", comprende 25 titoli ed è conservato presso la Cinémathèque Suisse. I film a nitrato presentano danni da medi a gravi e sono esposti a processi di decomposizione progressivi. Nel quadro del progetto di portale audiovisivo Grigioni e con il sostegno di "Memoriav, l'associazione per la conservazione del patrimonio audiovisivo della Svizzera" i film hanno potuto essere copiati su nuovi dispositivi analogici e successivamente digitalizzati.

Vai alla collezione

Andreas Flütsch

Andreas Flütsch (1923-2015) visse a St. Antönien, dove lavorò quale artigiano, impresario, albergatore e oste. Con la sua cinepresa Super-8 Eumig "Viennette 3" negli anni '70 e '80 filmò principalmente nel suo paese di domicilio e nei suoi dintorni, ma anche all'estero.

Vai alla collezione

Konrad Flütsch-Gansner

Konrad Flütsch-Gansner vive a St. Antönien e quale storico locale conosce il suo paese come nessun altro. Oltre alle sue attività professionali quale gerente di un negozio Volg e agricoltore, da molti anni è impegnato quale sindaco, landamano e granconsigliere. Le sue conoscenze sono confluite in diverse pubblicazioni, ad esempio nel libro "Flurnamen Gemeinde St. Antönien" edito nel 2012. Con cinepresa e videocamera, Konrad Flütsch-Gansner ha creato una grande documentazione relativa alla sua patria. Egli stesso presenta regolarmente i suoi filmati al pubblico.

Vai alla collezione

Babetta Janett

Babetta Janett-Janett (1921-1987) di Tschlin ha lasciato un'ampia collezione di materiale filmato non montato che raccoglie impressioni della vita quotidiana nel piccolo villaggio situato in Engadina Bassa. L'autrice ha documentato feste in famiglia, eventi musicali, usanze, scuola e vita associativa degli anni '70. Tramite il portale audiovisivo è stato pos-sibile permettere l'accesso a una selezione di 15 pellicole. Nel 2019 la collezione è stata tema della trasmissione Cuntrast "Films dal mintgadi – Janett, Möckli, Pfister e lur films" della RTR.

Vai alla collezione

Martin Möckli

La collezione comprende i film di Martin Möckli (1899-1995) il quale ha documentato il paese di Tschiertschen, dove per molti anni ha trascorso le vacanze, negli anni '30 e '40. Möckli ha filmato principalmente nel formato 9,5mm, sostenendo i vantaggi di tale formato anche in veste di direttore del "Schweizerischen Kino-Amateur-Bund 9,5mm". Oltre ai suoi due titoli più noti, "Wildheuet im Bündnerland" e "Romantik und Alltag in einem Bündner Bergdorf", egli girò anche film su Landi 1939, sull'esercito svizzero nel servizio attivo e sul "Piano Wahlen" durante la seconda guerra mondiale. I film e i diritti d'uso sono stati acquisiti nel quadro del progetto portale audiovisivo Grigioni dal Cantone dei Grigioni e sono stati digitalizzati.

Vai alla collezione

Tista Murk

Tista (Johann Baptista) Murk, nato il 15.4.1915 a Müstair, morto il 18.8.1992 a Trun, quale scrittore grigionese e studioso della lingua scrisse in tutte le lingue cantonali, principalmente però in vallader, la sua lingua madre. Murk fu tra l'altro bibliotecario cantonale a Coira e direttore dei programmi della radio e della televisione romancia. La collezione di Tista Murk comprende registrazioni audio (interviste, reportage, contributi e registrazioni musicali) riprese dal lascito archiviato presso la Biblioteca cantonale dei Grigioni.

Vai alla collezione

Remigio Nussio

Remigio Nussio (1919-2000) è nato a Brusio il 29 luglio 1919. A sei anni Nussio iniziò a seguire lezioni di piano e imparò da autodidatta a suonare l'organo. La sua formazione musicale avvenne presso il conservatorio di Berna. Con il suo coro "Stella Alpina" e quale cantante sviluppò un'intensa attività concertistica. La collezione comprende dischi commerciali ed esemplari unici ripresi dal suo lascito presso l'Archivio di Stato dei Grigioni.
Vai alla collezione

Rudolf Olgiati

La collezione riunisce materiali sull'architetto grigionese Rudolf Olgiati (1910-1995). Il film di Ursula Riederer "Rudolf Olgiati, Architekt", del 1988, viene completato da interviste condotte dalla cineasta con l'architetto in vista delle riprese.

Vai alla collezione

Martin Pfister

Cresciuto a Vuorz, negli anni '70 Martin Pfister iniziò a immortalare la quotidianità del suo villaggio con una cinepresa. Pfister ha documentato progetti edilizi, attività agricole o avvenimenti particolari a Waltensburg e ha ripreso gli abitanti sulla strada del villaggio o in occasione di eventi sociali. I film realizzati in questo modo testimoniano la dimestichezza tecnica nonché un acuto spirito d'osservazione. Nel 2016 l'autore ha donato le 26 pellicole che compongono la collezione alla Biblioteca cantonale dei Grigioni. Nel 2019 la collezione è stata tema della trasmissione Cuntrast "Films dal mintgadi – Janett, Möckli, Pfister e lur films" della RTR.

Vai alla collezione

Johannes und Gerda Roffler-Alder

Johannes Roffler (1904-1999) di Luzein fu l'architetto di parecchi edifici in Prettigovia, ad esempio della scuola di St. Antönien o dell'edificio di una cooperativa di consumo a Fideris. È probabile che molti filmati siano opera di sua moglie, Gerda Roffler-Adler (1910-2009), originaria di Coira. La coppia era molto legata alla natura e amava viaggiare, cosa che si riflette anche nella loro collezione di film.

Vai alla collezione

Arthur Stoll

Il biochimico basilese e direttore di Sandoz Arthur Stoll (1887-1971) era anche un grande collezionista di arte svizzera. Stoll entrò in contatto con molte personalità importanti sia in Svizzera che all'estero. Nel suo tempo libero si dedicava anche alla fotografia e ai film. Dalla sua casa di vacanza a Lenzerheide visitava spesso il territorio grigionese, dove nacque anche una parte dei suoi film amatoriali finora sconosciuti. I filmati sono conservati presso la Cinémathèque Suisse e in parte hanno potuto essere digitalizzati nel quadro del progetto audiovisivo Grigioni.

Vai alla collezione