Navigazione principale

Contenuto della pagina

Sostegno finanziario

Rifugiati e rifugiati ammessi provvisoriamente

Nella maggior parte dei casi, all'inizio della loro vita in Svizzera i rifugiati e i rifugiati ammessi provvisoriamente non esercitano un'attività lucrativa. Di conseguenza non sono economicamente indipendenti e necessitano di aiuto sociale.

Soggiorno nelle strutture dell'Ufficio della migrazione e del diritto civile (UMDC)

In seguito a una decisione d'asilo, i rifugiati e i rifugiati ammessi provvisoriamente cercano un alloggio nel Cantone. Dal momento della decisione fino all'ottenimento di un proprio alloggio i rifugiati e i rifugiati ammessi provvisoriamente rimangono negli alloggi collettivi dell'Ufficio della migrazione e del diritto civile (UMDC). Durante questo periodo, il Cantone si occupa dell'assistenza e del finanziamento dei rifugiati. Ciò permette di sgravare i comuni di ubicazione di alloggi collettivi dal profilo amministrativo e in parte anche da quello finanziario.

Soggiorno in un alloggio proprio

I rifugiati e i rifugiati ammessi provvisoriamente che vivono in un proprio alloggio ricevono aiuto sociale finanziario da parte del comune di domicilio. Per quanto riguarda la determinazione e l'erogazione dell'aiuto sociale, essi sono equiparati alla popolazione indigena.

Forfetarie globali della Confederazione

Al fine di indennizzare le spese di aiuto sociale, la Confederazione versa ai Cantoni somme forfetarie globali per al massimo cinque anni dalla presentazione della domanda d'asilo per rifugiati non esercitanti un'attività lucrativa e per al massimo sette anni dall'entrata in Svizzera per rifugiati ammessi provvisoriamente non esercitanti un'attività lucrativa.

Il Cantone versa le somme forfetarie globali della Confederazione ai comuni in modo graduato secondo l'entità del dossier. La graduazione tiene conto del forfait per il mantenimento determinante per l'aiuto sociale nonché dei valori standard per le pigioni.

Le forfetarie globali della Confederazione hanno carattere di sovvenzione. Ciò significa che non riducono l'entità dell'obbligo di rimborso delle prestazioni di aiuto finanziario percepite da rifugiati e rifugiati ammessi provvisoriamente. Se il rifugiato rimborsa le prestazioni di aiuto finanziario, deve essere eventualmente rimborsata in parte anche la forfetaria globale. In questo caso il comune deve contattare il Cantone.

Persone ammesse provvisoriamente che si trovano in Svizzera da più di sette anni (pap7+)

Le persone ammesse provvisoriamente che si trovano in Svizzera da più di sette anni (pap7+) e non sono economicamente indipendenti vengono sostenute in base alle aliquote dei richiedenti l'asilo.